Stampa

I761 - MERCATO DEI SERVIZI TECNICI ACCESSORI


COMUNICATO STAMPA


COMUNICATO STAMPA

TELEFONIA: ANTITRUST AVVIA ISTRUTTORIA PER POSSIBILE INTESA NEL MERCATO DEI SERVIZI TECNICI ACCESSORI ALL’INGROSSO ALLA RETE TELEFONICA FISSA

Il procedimento dovrà verificare se i comportamenti delle società Alpitel, Ceit Impianti, Sielte, Sirti, Site e Valtellina siano suscettibili di restringere la concorrenza. Provvedimento notificato nel corso di ispezioni effettuate in collaborazione con il Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela dei Mercati della Guardia di Finanza.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 27 marzo 2013, ha deciso di avviare un’istruttoria per verificare se le società Alpitel, Ceit Impianti, Sielte, Sirti, Site e Valtellina abbiano posto in essere condotte in grado di restringere la concorrenza nel mercato dei servizi tecnici accessori all’ingrosso alla rete fissa telefonica. Il provvedimento, avviato su segnalazione di Wind, è stato notificato oggi alle parti nel corso di ispezioni effettuate in collaborazione con il Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela dei Mercati della Guardia di Finanza.

Secondo l’Antitrust gli elementi prodotti da Wind sembrerebbero delineare un’intesa volta a stabilire congiuntamente i prezzi per i servizi di manutenzione correttiva dei guasti di rete (c.d. assurance), che fanno parte del mercato dei servizi tecnici accessori, il quale comprende anche i servizi di attivazione della linea (c.d. delivery). Si tratta di un mercato nascente perché la liberalizzazione dei servizi accessori all’accesso all’ingrosso alla rete fissa è stata prevista solo nell’aprile dello scorso anno in sede di conversione del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5: per effetto di questa norma per la prima volta gli operatori telefonici (OLO) che si avvalgono di elementi della rete fissa di comunicazione elettronica e che necessitino di interventi possono ricorrere direttamente ad imprese terze operanti nel relativo settore.

In questo contesto le offerte formulate a Wind nel luglio 2012 da Alpitel, Ceit, Sielte, Sirti, Site e Valtellina (soggetti già fornitori del servizio di manutenzione sulla rete fissa) sono risultate estremamente omogenee con uno scarto minimo tra i diversi valori dei servizi. Tale omogeneità non è stata invece riscontrata nelle offerte successive – sulla base delle stesse condizioni tecniche ed economiche – di Aurora Telecomunicazioni, Imet e ADS. In sostanza sembrerebbe possibile effettuare una distinzione tra i soggetti già fornitori del servizio di manutenzione sulla rete fissa e i nuovi entranti, vale a dire Aurora Telecomunicazioni, ADS e Imet. La presenza di un numero ridotto di imprese che attualmente già offrono tali servizi, potrebbe infatti aver favorito il raggiungimento e il mantenimento di una intesa tra le stesse, facilitandone la comunicazione, il coordinamento dei prezzi e il monitoraggio reciproco dei comportamenti per i servizi tecnici accessori per i quali la recente evoluzione normativa consentirà l’acquisto in maniera disaggregata dall’accesso da parte degli OLO.

L’istruttoria dovrà concludersi entro il 27 marzo 2014.

Roma, 4 aprile 2013