Stampa

AS419 - POSTE: SEGNALAZIONE SU TARIFFE AGEVOLATE


COMUNICATO STAMPA


Collegamenti:
Segnalazione del 18 ottobre 2007


COMUNICATO STAMPA

ANTITRUST: SOSTITUIRE TARIFFE POSTALI AGEVOLATE PER L’EDITORIA E NO-PROFIT CON CONTRIBUTI DIRETTI AI SETTORI INTERESSATI


Modifica va inserita nel decreto-legge sulla manovra. Attuale sistema è anticoncorrenziale e privilegia Poste rispetto agli altri concorrenti

Modificare il sistema di sostegno all’editoria e ai settori no-profit con il decreto-legge per la manovra finanziaria 2008 all’esame del Senato, eliminando il sistema delle tariffe postali agevolate che privilegia ingiustificatamente Poste Italiane.

Lo chiede l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in una segnalazione inviata ai Presidenti di Camera e Senato, al Presidente del Consiglio e ai ministri dell’Economia e della Comunicazioni.

L’Autorità ricorda che a Poste Italiane viene riconosciuta annualmente una compensazione per le tariffe postali scontate applicate alle spedizioni di prodotti editoriali e per il settore no-profit. Si tratta di un meccanismo che determina un’evidente e grave distorsione concorrenziale: operatori postali diversi da Poste Italiane non sono infatti in grado di praticare offerte competitive agli editori e agli enti no-profit per questo tipo di prestazione. Attraverso la normativa vigente, si è quindi sottratto di fatto al mercato uno spazio di attività che di diritto sarebbe liberalizzato.

Nella segnalazione l’Autorità ricorda che l’articolo 10 commi 5-8 del decreto-legge n. 159 conferma il meccanismo delle tariffe postali agevolate, sia pur a fronte di una riduzione della compensazione dovuta a Poste. La norma non solo conferma un sistema in contrasto con le norme a tutela della concorrenza e del mercato, ma è contraddittoria anche con la delineata riforma della disciplina del settore editoriale.

Per l’Autorità è dunque necessario un intervento urgente, da attuare in sede di conversione del decreto, che garantisca il diritto di scelta del fornitore del servizio postale sia per gli invii di prodotti editoriali sia per gli invii delle associazioni no-profit.

Il pur necessario sostegno dovrebbe essere riconosciuto agli operatori dei due settori interessati attraverso forme di credito d’imposta calcolato sulla base delle spese postali sostenute.

Questa soluzione è peraltro prevista dal disegno di legge sull’editoria appena varato dal Consiglio dei Ministri, sia pur limitatamente alle spedizioni dei prodotti editoriali in abbonamento.

La modifica suggerita rappresenta un primo imprescindibile intervento volto a instaurare condizioni di concorrenza non falsate nel settore postale, in quanto permetterebbe agli operatori già presenti sul mercato, ed eventualmente a quelli nuovi entranti, di poter offrire servizi alternativi a quelli dell’operatore dominante.

L’apertura alla concorrenza del mercato dovrebbe incentivare le imprese ad una maggiore efficienza nella fase della distribuzione, con significative ricadute in termini di innalzamento del livello di qualità del servizio a beneficio dei consumatori e di aumento della domanda di prodotti editoriali in abbonamento, ponendo le basi per una crescita del mercato.

Roma, 20 ottobre 2007