Stampa

A298 - O.N.I.+ALTRI/CANTIERI DEL MEDITERRANEO


COMUNICATO STAMPA


Collegamenti:
Provvedimento del 24 maggio 2001


COMUNICATO STAMPA
Indagine sui bacini di carenaggio nel porto di Napoli


Il 24 maggio 2000, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deliberato l’avvio di un procedimento istruttorio nei confronti della società Cantieri del Mediterraneo e della sua controllata Bacini Napoletani per valutare l’eventuale abuso di posizione dominante, in violazione dell’art.3 della legge 287/90, nel mercato della messa a disposizione dei bacini di carenaggio nel porto di Napoli. Tali bacini sono attribuiti in concessione a Bacini Napoletani e vengono utilizzati per fornire servizi di riparazione sulla parte immersa delle navi.
I comportamenti contestati riguardano innanzitutto la creazione di ostacoli per l’accesso ai bacini da parte delle imprese di riparazione e manutenzione navale operanti nel porto di Napoli, mediante l’omissione o il ritardo nella presentazione delle quotazioni per l’utilizzo degli stessi, l’assenza di trasparenza circa la loro disponibilità, ovvero tramite rifiuti motivati da non meglio precisate ragioni tecniche e di sicurezza.
In secondo luogo sarebbero state applicate, nei rapporti contrattuali tra Bacini Napoletani e Camed, condizioni economiche sostanzialmente diverse da quelle imposte dalla stessa Bacini Napoletani ad altre imprese di riparazione, così determinando per queste ultime ingiustificati svantaggi nella concorrenza.
Il procedimento si concluderà entro la fine di aprile 2002.

Roma, 14 giugno 2001