Ti trovi in: Home / Media / News / Autorizzata con condizioni l'acquisizione di Toremar da parte di Moby



Stampa

Autorizzata con condizioni l'acquisizione di Toremar da parte di Moby

22/07/2011

COMUNICATO STAMPA

 

TRASPORTO MARITTIMO: ANTITRUST, OK CONDIZIONATO ALL’ACQUISIZIONE DI TOREMAR DA PARTE DI MOBY

L’autorizzazione all’operazione è subordinata al rispetto di una serie di misure volte a favorire lo sviluppo della concorrenza nei trasporti per l’Isola d’Elba. In particolare Moby dovrà rilasciare 6 slot sulla rotta Piombino-Portoferraio

Via libera condizionato all’acquisizione di Toremar da parte di Moby. Lo ha deciso l’Antitrust nella riunione del 19 luglio 2011 vincolando la propria autorizzazione al rispetto di una serie di misure volte a favorire lo sviluppo della concorrenza sulle rotte per l’Isola d’Elba, dove l’acquisizione avrebbe portato alla costituzione di una posizione dominante nel settore del trasporto marittimo sulla rotta Piombino-Portoferraio.

Le misure sono volte a superare le barriere all’entrata esistenti nelle rotte per l’Isola d’Elba, dovute al limitato numero di approdi/partenze effettuabili (c.d. slot) dal porto di Piombino verso l’Elba e in particolare verso Portoferraio, permettendo l’entrata di uno o più concorrenti alla dimensione minima efficiente, tenuto conto degli slot attualmente resi disponibili ai concorrenti di Moby e Toremar dall’Autorità Portuale di Piombino. Lo scopo delle misure è quello di fare in modo che sia Moby sia i suoi concorrenti possano offrire servizi di trasporto passeggeri e veicoli sulla Piombino-Portoferraio, in particolare nel periodo estivo, tecnicamente fattibili ed economicamente e commercialmente validi.

In particolare, Moby:

-         dovrà rilasciare fino a 6 slot (fasce orarie in cui è possibile effettuare un approdo/partenza) sulla rotta Piombino-Portoferraio (e dei corrispondenti slot nel porto di Portoferraio) ai propri concorrenti, con priorità alle compagnie che ne abbiano fatto richiesta nella precedente stagione. Gli slot potranno essere utilizzati esclusivamente sulla rotta Piombino-Portoferraio. La cessione di slot ad una stessa compagnia concorrente non potrà avvenire in misura tale che essa abbia una quota di slot superiore a quella residua di Moby. Inoltre, qualora l’Autorità Portuale di Piombino metta a disposizione nuovi slot, gli obblighi di rilascio per Moby si ridurranno automaticamente, purché Moby e Toremar non vengano a detenere più di due terzi degli slot disponibili sulla rotta Piombino-Portoferraio;

-         sarà obbligata a scambiare i propri slot con quelli relativi ad orari contigui a disposizione di qualunque concorrente effettivo o potenziale ma da questi non utilizzabili per motivi tecnici, nei limiti in cui ciò non impoverisca eccessivamente o renda infattibile l’offerta di Moby;

-         non potrà partecipare al primo round delle aggiudicazioni organizzate dall’Autorità Portuale di Piombino degli slot residui o nuovi.

Spetterà alle compagnie concorrenti indicare gli slot che Moby dovrebbe cedere o quelli con i quali vorrebbero scambiare i propri.

Le richieste per il rilascio degli slot dovranno pervenire a Moby e per conoscenza all’Antitrust.

Le misure saranno operative a partire dalla stagione in corso, nei limiti in cui ciò sia tecnicamente possibile e non comporti danni ingiustificati per i consumatori a causa della riorganizzazione delle offerte.

L’obbligo sarà valido fino alla stagione 2016. Durante questo periodo Moby dovrà far pervenire annualmente all’Autorità una relazione in merito al rilascio degli slot.

Le condizioni imposte non incidono sugli obblighi di servizio pubblico garantiti da Toremar.

Secondo l’Antitrust le misure elencate sono adeguate e proporzionate ad assicurare uno sviluppo concorrenziale nei mercati del trasporto di passeggeri e merci da e per l’Elba e a scongiurare un possibile abuso di posizione dominante da parte di Moby. In seguito all’introduzione di tali misure, infatti, la quota di slot assegnati a Moby e Toremar passerà dall’80% al 66% mentre quella della sola Moby dal 39% al 24% circa.

 

Roma, 22 luglio 2011