Ti trovi in: Home / Media / News / Antitrust avvia 12 istruttorie nei confronti di tour operator per pratiche commerciali scorrette in relazione all’annullamento dei viaggi in Egitto



Stampa

Antitrust avvia 12 istruttorie nei confronti di tour operator per pratiche commerciali scorrette in relazione all’annullamento dei viaggi in Egitto

15/07/2014

COMUNICATO STAMPA

ANTITRUST AVVIA 12 ISTRUTTORIE NEI CONFRONTI DI TOUR OPERATOR PER PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE IN RELAZIONE ALL’ANNULLAMENTO DEI VIAGGI IN EGITTO

L’Antitrust ha avviato 12 istruttorie nei confronti di alcuni Tour Operator italiani a seguito delle numerose segnalazioni  ricevute da parte di consumatori e associazioni di consumatori, relative all’annullamento dei viaggi in Egitto determinato dal  fermo invito da parte del Ministero degli Affari Esteri a non recarsi in quel Paese, diffuso nell’agosto 2013 e che si è protratto sino a giugno 2014.

Le istruttorie riguardano i pacchetti turistici di Alpitour, Veratour, Going con Bluvacanze, Eden Viaggi, Phone&Go, Swantour, Marevero (di Damare S.r.l. e Liberi Tutti Travel S.r.l.), Settemari, I Viaggi di Atlantide (di Impresa Viaggi Sea Line S.r.l), I Viaggi del Turchese, Brixia Tour Operator (di Savio Nicola & Co. S.a.s), Amico Tour Resort Travel (di Maurizio Pellucchini).

Tali operatori turistici non avrebbero rimborsato, al momento dell’annullamento del viaggio disposto unilateralmente, l’intero prezzo corrisposto dai clienti, addebitando anche i costi amministrativi, né avrebbero proposto mete alternative senza maggiorazioni di prezzo.

Attualmente, inoltre, la promozione di pacchetti turistici tramite i siti internet degli operatori sarebbe caratterizzata da rilevanti carenze informative sulle condizioni socio-politiche in cui versa l’Egitto, la cui conoscenza è essenziale ai fini di una decisione consapevole e avveduta.

I procedimenti, che si concluderanno entro cinque mesi dall’avvio, dovranno verificare se i comportamenti posti in essere dai Tour Operator costituiscono pratiche commerciali scorrette in violazione del Codice del Consumo.

 

Roma, 15 luglio 2014