Ti trovi in: Home / Media / News / Industria: Antitrust avvia istruttoria per verificare l’esistenza di un’intesa restrittiva della concorrenza nel mercato della produzione di poliuretano espanso flessibile



Stampa

Industria: Antitrust avvia istruttoria per verificare l’esistenza di un’intesa restrittiva della concorrenza nel mercato della produzione di poliuretano espanso flessibile

08/04/2014

COMUNICATO STAMPA

INDUSTRIA: ANTITRUST AVVIA ISTRUTTORIA PER VERIFICARE L’ESISTENZA DI UN’INTESA RESTRITTIVA DELLA CONCORRENZA NEL MERCATO DELLA PRODUZIONE DI POLIURETANO ESPANSO FLESSIBILE

Provvedimento di avvio notificato oggi alle società Olmo Giuseppe Spa, Orsa Foam Spa, Vefer Spa, Pelma Spa e Sitab P.E. Spa nel corso di alcune ispezioni condotte in collaborazione con il Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 3 aprile 2014, ha deciso di avviare un’istruttoria per verificare se cinque società attive nella produzione di poliuretano espanso flessibile abbiano posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza. Il provvedimento è stato notificato alle società interessate (Olmo Giuseppe Spa, Orsa Foam Spa, Vefer Spa, Pelma Spa e Sitab P.E. Spa) nel corso di alcune ispezioni effettuate in collaborazione con il Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza.

Secondo una segnalazione ricevuta le società, che risultano essere tra i principali produttori di poliuretano espanso flessibile (prodotto utilizzato prevalentemente dall’industria dell’arredamento e da quella automobilistica per la produzione di materassi e cuscini, imbottitura di divani, sedie e sedili), si riunirebbero periodicamente, tra l’altro in occasione delle riunioni dell’associazione di categoria, per scambiarsi i listini prezzo, decidere la tempistica degli aumenti dei prezzi e ripartirsi la clientela. Esisterebbero inoltre meccanismi finalizzati a disincentivare la mobilità dei clienti attraverso l’offerta concertata di prezzi più elevati a coloro che si rivolgono ad aziende diverse dal proprio fornitore abituale.

Il procedimento dovrà concludersi entro il 31 maggio 2015.

 

Roma, 8 aprile 2014