Ti trovi in: Home / Media / News / Commercializzazione dei "Gratta & Vinci" da parte dei titolari di rivendita di quotidiani e periodici



Stampa

Commercializzazione dei "Gratta & Vinci" da parte dei titolari di rivendita di quotidiani e periodici

21/07/2011

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 7 luglio 2011, ha proceduto ad archiviare diverse segnalazioni provenienti da titolari di rivendite di quotidiani e periodici sparsi su tutto il territorio nazionale, i quali lamentavano di essere stati ingiustificatamente esclusi dall’accesso alla  commercializzazione delle lotterie istantanee (c.d. Gratta & Vinci).

Tali giochi oggi risultano affidati dall’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato al Consorzio Lotterie Nazionali, raggruppamento temporaneo di imprese con capofila la società Lottomatica S.p.A..

In particolare, nel valutare le varie segnalazioni pervenute anche alla luce delle informazioni acquisite, l’Autorità ha ritenuto tra le altre cose che, essendo del tutto razionale che il concessionario del gioco, percependo una royalty sull’importo di ciascuna giocata, abbia interesse ad estendere la propria rete di vendita, la minore presenza di edicolanti nella raccolta dei Gratta & Vinci sia da attribuire, da un lato, alla necessità, per il Consorzio, di minimizzare i costi di distribuzione del gioco e, dall’altro, all’assenza di alcuni parametri oggettivi in capo ad alcuni specifici edicolanti; parametri necessari ad individuare i punti vendita più idonei alla raccolta dei giochi in questione.

 

Roma, 7 luglio 2011