Stampa

PS9918-PS10987-PS11319 - Sanzioni per 6 milioni e 800 mila euro ad Acea Ato5 S.p.A., Abbanoa S.p.A. e Publiacqua S.p.A.


COMUNICATO STAMPA


immagine allegata

L’Autorità ha concluso tre distinti procedimenti istruttori per violazione del Codice del Consumo nei confronti di Acea Ato5 S.p.A., Abbanoa S.p.A. e Publiacqua S.p.A., rispettivamente attivi nelle aree territoriali del Lazio Meridionale-Frosinone, della Regione Sardegna e della Provincia di Firenze.

In particolare, a chiusura dei procedimenti, avviati a seguito delle numerose segnalazioni inviate dai consumatori e dalle loro associazioni rappresentative, l’Autorità ha accertato che i tre professionisti hanno posto in essere pratiche commerciali aggressive con riferimento alle seguenti condotte:

  • inadeguata gestione dei reclami degli utenti (risposte tardive o non risolutive) e mancata sospensione delle procedure di riscossione degli importi contestati e di distacco della fornitura (Acea Ato5);
  • mancato trattamento delle istanze di prescrizione relative a fatture risalenti a oltre cinque anni dalla data del consumo o mancato riconoscimento della stessa, a causa della non corretta individuazione del termine di decorrenza della prescrizione e degli atti interruttivi della stessa, anche in tale caso senza sospensione delle procedure di riscossione e di distacco in pendenza di reclamo (Abbanoa, Acea Ato 5);
  • mancata gestione delle istanze di rettifica delle fatture in presenza di perdite idriche occulte – quelle che avvengono a valle del contatore e non sono rilevabili se il gestore non registra e comunica il consumo anomalo, superiore a quello abituale - ovvero applicando criteri stringenti e ostativi ai fini dello storno parziale degli importi fatturati in caso di perdita occulta (c.d. procedura di depenalizzazione), relativi ai canoni di depurazione e fognatura (Abbanoa e Acea Ato 5);
  • nella riscossione delle fatture relative ai consumi idrici delle utenze condominiali, indebito condizionamento dei condòmini solventi in presenza di morosità di uno o più condòmini, nonostante l’esistenza di contatori individuali e in presenza di pagamenti parziali delle fatture, con minaccia di riduzione del flusso e quindi di sospensione della fornitura idrica a tutto il condominio (Publiacqua).

 A conclusione delle tre istruttorie, l’Autorità ha sanzionato, rispettivamente, Acea Ato5 per complessivi 1.000.000 euro, Abbanoa per complessivi 3.850.000 euro e Publiacqua per 2 milioni di euro.

Nel corso dei procedimenti, l’Autorità si avvalsa della collaborazione del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

Roma, 4 luglio 2019