Stampa

C2863 - CIRIO/CENTRALE DEL LATTE DI ROMA


COMUNICATO STAMPA


Collegamenti:
Provvedimento del 10 settembre 1997


COMUNICATO STAMPA

        L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un'istruttoria nei confronti delle società CIRIO Spa e della CENTRALE DEL LATTE DI ROMA Spa. L'istruttoria riguarda l'acquisizione, da parte della Cirio, del 75% del capitale sociale della Centrale del latte ed è volta a verificare se l'operazione possa dar luogo alla costituzione o al rafforzamento di una posizione dominante sul mercato interessato tale da ridurre in modo sostanziale e durevole la concorrenza.
        La Cirio effettua questa operazione in quanto vincitrice della gara bandita dal Comune di Roma relativa al progetto di privatizzazione della Centrale del latte.
        I mercati interessati alla concentrazione sono quelli del latte fresco, del latte a lunga conservazione, dello yogurt e della panna fresca. In particolare, per ciò che riguarda il prodotto latte, il latte fresco e quello UHT rappresentano due mercati distinti, per la limitata sostituibilità fra i due prodotti dal punto di vista delle preferenze del consumatore. Questa suddivisione comporta, almeno per il momento, anche una diversa definizione del mercato geografico che si presenta di dimensione nazionale per il latte a lunga conservazione e di dimensioni più ridotte per il latte fresco.  In base a queste considerazioni, e dato che la Centrale del latte opera esclusivamente nel Lazio, il mercato geografico di riferimento per l'operazione considerata è quello regionale.
        Al contrario, la dimensione geografica dei mercati relativi allo yogurt e alla panna è da ritenersi nazionale sulla base di elementi quali la maggiore durata di conservazione dei prodotti e la possibilità, per le imprese di trasportarli e commercializzarli in aree distanti da quelle di confezionamento.
                L'operazione in esame non sembra comportare modificazioni di rilievo sui mercati nazionali del latte UHT, dello yogurt e della panna fresca, mentre desta preoccupazioni di ordine concorrenziale per gli effetti possibili sul mercato del latte fresco pastorizzato.
        A seguito dell'operazione, infatti, la Cirio, che fa parte del gruppo Cragnotti, tramite la controllata CPD (Cirio, Polenghi, De Rita) alla quale fanno capo diversi marchi fra i quali Sole, Stella, Polenghi, Torre in Pietra, diverrebbe leader del mercato laziale del latte fresco con una quota, come minimo, del 62,5%. A livello nazionale la posizione della CPD nel latte fresco verrebbe ulteriormente rafforzata dall'acquisizione, passando da una quota  in volume di circa il 20% ad una del 27%, pari a quasi tre volte quella detenuta dal secondo operatore, Granarolo Felsinea.
        Inoltre, la presenza nel capitale sociale della società acquirente della famiglia Tanzi, controllante della principale impresa nazionale nel settore del latte, potrebbe esercitare un apprezzabile effetto negativo sulla concorrenza potenziale
        L'Autorità, sulla base di tutte queste considerazioni, ha ritenuto di avviare l'istruttoria ai sensi dell'art. 16 della legge n. 287/90.
        Il procedimento si concluderà entro 45 giorni dalla data di avvio dell'istruttoria.



Roma, 16 settembre 1997