Contenuto principale

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

  • PS10295 - Mutui a tasso variabile, accolti gli impegni di Unipol Banca per le clausole floor ed Euribor negativo
    MUTUI A TASSO VARIABILE
    ACCOLTI GLI IMPEGNI
    DI UNIPOL BANCA
    PER LE CLAUSOLE FLOOR
    ED EURIBOR NEGATIVO

    L’Autorità lo scorso 7 febbraio ha accolto gli impegni presentati da Unipol Banca S.p.A. nell’ambito di un procedimento volto ad accertare la mancata o ambigua informativa ai consumatori circa l’esistenza nei contratti di mutuo a tasso variabile della Banca di soglie minime del tasso di interesse contenute rispettivamente in clausole floor (valore del tasso minimo superiore allo spread) ed Euribor negativo (valore del tasso minimo pari allo spread, in modo da rendere i valori negativi dell’euribor irrilevanti nella determinazione del tasso d’interesse nominale annuo), in relazione al momento della loro stipula, precedente o successiva rispetto al rilevamento di valori negativi dei parametri di indicizzazione Euribor.



COMUNICATO STAMPA


“IO NON ABBOCCO!” progetto dell’Antitrust per le scuole in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

1° Bando di concorso nazionale  per le scuole statali primarie e secondarie di I e II grado per gli A.S. 2009-10   e 2010 -11.

9AE3D742EFBC8515C12576EA003DF61A_0.gif

Nell’anno scolastico 2009/2010 l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, senza alcun onere per le scuole coinvolte, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha indetto il concorso nazionale “IO NON ABBOCCO”. Il progetto è destinato agli alunni della scuola primaria di IV elementare e agli alunni delle scuole secondarie di I grado che frequentano la II media e agli studenti del penultimo anno della scuola secondaria di II grado.

Il progetto fa parte dell’attività istituzionale per diffondere la cultura della concorrenza e della tutela del consumatore, per la formazione dei ragazzi verso una più ampia conoscenza sui meccanismi del mercato e una consapevole educazione al consumo.

L’Autorità ha messo a disposizione delle scuole che ne faranno richiesta i propri  funzionari che andranno nelle classi per spiegare i tanti casi di pubblicità ingannevole, i comportamenti scorretti, i cartelli segreti e gli abusi delle aziende a danno dei cittadini. Sarà distribuito agli alunni del materiale informativo che servirà da base per la realizzazione degli elaborati richiesti per partecipare al concorso.

Il percorso formativo si concluderà con la premiazione, con una targa-ricordo, dei lavori migliori da parte di una Commissione di esperti.

Roma, 18 marzo 2010