Contenuto principale

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

  • PS10211 - Antitrust sanziona il gruppo Volkswagen per 5 milioni di euro per manipolazione del sistema di controllo delle emissioni inquinanti
    ANTITRUST SANZIONA IL GRUPPO
    VOLKSWAGEN PER 5 MILIONI DI
    EURO PER MANIPOLAZIONE DEL
    SISTEMA DI CONTROLLO DELLE
    EMISSIONI INQUINANTI

    Una sanzione al massimo edittale di 5 milioni di euro è stata comminata dall’Antitrust in solido alle società Volkswagen AG e Volkswagen Group Italia S.p.A., per aver posto in essere una pratica commerciale scorretta.
    La pratica riguarda la commercializzazione sul mercato italiano, a partire dall’anno 2009, di autoveicoli diesel (con codice identificativo EA189 EU 5) la cui omologazione è stata ottenuta attraverso l’utilizzo di un software in grado di alterare artificiosamente il comportamento del veicolo durante i test di banco per il controllo delle emissioni inquinanti. Ciò al fine di fornire un risultato delle emissioni ossidi di azoto (NOx) più basso di quello ottenibile nella modalità che invece si attiva nel normale utilizzo del veicolo su strada.



COMUNICATO STAMPA


“IO NON ABBOCCO!” progetto dell’Antitrust per le scuole in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

1° Bando di concorso nazionale  per le scuole statali primarie e secondarie di I e II grado per gli A.S. 2009-10   e 2010 -11.

9AE3D742EFBC8515C12576EA003DF61A_0.gif

Nell’anno scolastico 2009/2010 l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, senza alcun onere per le scuole coinvolte, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha indetto il concorso nazionale “IO NON ABBOCCO”. Il progetto è destinato agli alunni della scuola primaria di IV elementare e agli alunni delle scuole secondarie di I grado che frequentano la II media e agli studenti del penultimo anno della scuola secondaria di II grado.

Il progetto fa parte dell’attività istituzionale per diffondere la cultura della concorrenza e della tutela del consumatore, per la formazione dei ragazzi verso una più ampia conoscenza sui meccanismi del mercato e una consapevole educazione al consumo.

L’Autorità ha messo a disposizione delle scuole che ne faranno richiesta i propri  funzionari che andranno nelle classi per spiegare i tanti casi di pubblicità ingannevole, i comportamenti scorretti, i cartelli segreti e gli abusi delle aziende a danno dei cittadini. Sarà distribuito agli alunni del materiale informativo che servirà da base per la realizzazione degli elaborati richiesti per partecipare al concorso.

Il percorso formativo si concluderà con la premiazione, con una targa-ricordo, dei lavori migliori da parte di una Commissione di esperti.

Roma, 18 marzo 2010