Contenuto principale

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

facebook twitter youtube
  • I807 - Moral suasion su Associazione Pubblici Esercizi, non aumenta il prezzo del caffè nei bar di Roma
    MORAL SUASION SU ASSOCIAZIONE
    PUBBLICI ESERCIZI, NON AUMENTA
    IL PREZZO DEL CAFFE’
    NEI BAR DI ROMA

    Non aumenta il prezzo del caffè nei bar di Roma. A fine marzo 2017 l’Autorità ha deliberato di procedere con una moral suasion nei confronti dell’ “Associazione Pubblici Esercizi di Roma” (di seguito anche “AEPER”), in relazione alla decisione, assunta dal Direttivo AEPER, di pubblicizzare, tramite alcuni articoli di stampa, una serie di dati relativi all’aumento, negli ultimi 10 anni, dei costi di gestione a carico degli esercenti e di “consigliare” a tutti i Pubblici Esercizi di Roma e Provincia un aumento graduale del prezzo al consumatore della tazzina del caffè, compreso tra i 10 ed i 20 centesimi.
    Anche il Codacons faceva pervenire una segnalazione al riguardo.



COMUNICATO STAMPA


“IO NON ABBOCCO!” progetto dell’Antitrust per le scuole in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

1° Bando di concorso nazionale  per le scuole statali primarie e secondarie di I e II grado per gli A.S. 2009-10   e 2010 -11.

9AE3D742EFBC8515C12576EA003DF61A_0.gif

Nell’anno scolastico 2009/2010 l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, senza alcun onere per le scuole coinvolte, in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha indetto il concorso nazionale “IO NON ABBOCCO”. Il progetto è destinato agli alunni della scuola primaria di IV elementare e agli alunni delle scuole secondarie di I grado che frequentano la II media e agli studenti del penultimo anno della scuola secondaria di II grado.

Il progetto fa parte dell’attività istituzionale per diffondere la cultura della concorrenza e della tutela del consumatore, per la formazione dei ragazzi verso una più ampia conoscenza sui meccanismi del mercato e una consapevole educazione al consumo.

L’Autorità ha messo a disposizione delle scuole che ne faranno richiesta i propri  funzionari che andranno nelle classi per spiegare i tanti casi di pubblicità ingannevole, i comportamenti scorretti, i cartelli segreti e gli abusi delle aziende a danno dei cittadini. Sarà distribuito agli alunni del materiale informativo che servirà da base per la realizzazione degli elaborati richiesti per partecipare al concorso.

Il percorso formativo si concluderà con la premiazione, con una targa-ricordo, dei lavori migliori da parte di una Commissione di esperti.

Roma, 18 marzo 2010