Contenuto principale

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

  • PS10211 - Antitrust sanziona il gruppo Volkswagen per 5 milioni di euro per manipolazione del sistema di controllo delle emissioni inquinanti
    ANTITRUST SANZIONA IL GRUPPO
    VOLKSWAGEN PER 5 MILIONI DI
    EURO PER MANIPOLAZIONE DEL
    SISTEMA DI CONTROLLO DELLE
    EMISSIONI INQUINANTI

    Una sanzione al massimo edittale di 5 milioni di euro è stata comminata dall’Antitrust in solido alle società Volkswagen AG e Volkswagen Group Italia S.p.A., per aver posto in essere una pratica commerciale scorretta.
    La pratica riguarda la commercializzazione sul mercato italiano, a partire dall’anno 2009, di autoveicoli diesel (con codice identificativo EA189 EU 5) la cui omologazione è stata ottenuta attraverso l’utilizzo di un software in grado di alterare artificiosamente il comportamento del veicolo durante i test di banco per il controllo delle emissioni inquinanti. Ciò al fine di fornire un risultato delle emissioni ossidi di azoto (NOx) più basso di quello ottenibile nella modalità che invece si attiva nel normale utilizzo del veicolo su strada.


Collegamenti:
Provvedimento del 4 ottobre 1995


COMUNICATO STAMPA


        L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deliberato che la raffigurazione delle sigarette "Muratti", inserita nel film "College", trasmesso il 28 gennaio 1995 alle ore 14.00 dalla Rai - Rete Due, costituisce una forma di pubblicità non trasparente e come tale la ha dichiarata ingannevole e ne ha vietato la futura diffusione .
        L'individuazione di effetti promozionali in un'opera del pensiero può prescindere dall'effettivo accertamento dell'esistenza di un rapporto di committenza tra impresa e proprietario del mezzo di diffusione, quando lo scopo promozionale possa desumersi anche da altri elementi presuntivi, tali da qualificare come pubblicitario il contenuto dell'opera.
        Nel corso di alcune sequenze del film, prodotto dalla Clemi Cinematografica s.r.l.,  appare un pacchetto di sigarette del quale è leggibile, in maniera evidente, la marca "Muratti".
        In due sequenze del film, in particolare, la protagonista compie gesti innaturali pur di mettere in mostra il dorso del pacchetto.  L'Autorità ha giudicato che l'inserimento delle predette inquadrature nel film non sia giustificato da esigenze artistico-narrative proprio a causa della innaturale gestualità utilizzata nel maneggiare il pacchetto, diretta quindi ad una ostentazione del pacchetto stesso: tali inquadrature denunciano quindi finalità pubblicitarie e si connotano come un'operazione di promozione specifica di un prodotto.
        Considerato che la pubblicità indiretta, o "product placement", all'interno di forme di comunicazione di massa rappresenta una fattispecie di messaggio pubblicitario illecito per l'assenza, come nel caso in esame, di trasparenza e di riconoscibilità, l'Autorità, pur non avendo potuto provare l'esistenza di un accordo formalizzato tra la società produttrice del film e la Philip Morris e in difformità dal parere espresso dal Garante per la Radiodiffusione e l'Editoria (che ha tralasciato di valutare la ripetitività delle sequenze e l'innaturalità di immagini e comportamenti) è giunta alla conclusione che tali sequenze costituiscono pubblicità ingannevole.

Roma, 20 ottobre 1995