Contenuto principale

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

facebook twitter youtube
  • PS10548_PS10614_PS10694 - Grandi elettrodomestici, accolti gli impegni dei produttori: più copertura e meno spese per i consumatori
    GRANDI ELETTRODOMESTICI,
    ACCOLTI IMPEGNI DEI PRODUTTORI:
    PIU’ COPERTURA E MENO SPESE
    PER I CONSUMATORI

    Nella riunione del 27 settembre 2017, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accettato gli impegni assunti da Whirlpool (marchi Indesit, Ariston, Ignis e Whirlpool, Bauknecht, Kitchen Aid, Scholtes. Whirlpool), Candy Hoover (marchi Candy, Hoover e Zerowatt) e Electrolux (marchi Aeg, Electrolux, Rex, Zanussi e Zoppas), chiudendo tre istruttorie avviate nel marzo 2017 per le modalità di prestazione dell’assistenza a domicilio tramite i Centri di Assistenza Tecnica nel caso di richieste di intervento in garanzia legale per i grandi elettrodomestici venduti da terzi (ad es. grande distribuzione e negozi specializzati).


Collegamenti:
Segnalazione del 20 ottobre 1998


COMUNICATO STAMPA


        L'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha predisposto una segnalazione al Presidente del Consiglio e al Ministro dei Trasporti in cui sottolinea la necessità che le previsioni dell'ultimo decreto Burlando non rafforzino la posizione dominante di Alitalia sullla rotta Linate-Roma.
        Il decreto bis di Burlando, che è stato approvato dalla Commissione europea, non ha infatti risolto completamente il problema di Malpensa, perchè la nuova normativa, pur non discriminando più tra l'Alitalia e le compagnie comunitarie, crea dei problemi alle piccole compagnie italiane come Air One, consentendo all'Alitalia di aumentare i suoi voli tra Linate e Roma e costringendo Air One a diminuirli.
        E' quindi indispensabile - segnala l'Autorità - che il governo rimuova tutti i vincoli che impediscono di fatto alle piccole compagnie di operare sulla tratta Linate-Roma. L'Autorità ha inoltre auspicato, nell'interesse dei consumatori, che sia consentito - fino a che non saranno realizzati adeguati collegamenti tra Milano e Malpensa - alle piccole compagnie e alle nuove entranti di operare anche sulle altre tratte nazionali.

Roma, 20 ottobre 1998