Contenuto principale

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

facebook twitter youtube
  • I819 - Gare per la produzione e fornitura al sistema sanitario di farmaci plasmaderivati: avviata istruttoria su una possibile intesa tra le imprese kedrion e grifols
    GARE PER PRODUZIONE E FORNITURA
    AL SISTEMA SANITARIO DI FARMACI
    PLASMADERIVATI: AVVIATA
    ISTRUTTORIA SU POSSIBILE INTESA
    TRA LE IMPRESE KEDRION E GRIFOL

    Nella riunione del 10 gennaio 2018 l’Autorità ha deliberato l’avvio di un procedimento istruttorio per possibili condotte anticoncorrenziali poste in essere dalle società Kedrion S.p.A. e Grifols Italia S.p.A. in occasione della loro partecipazione in forma associata (mediante raggruppamento temporaneo di imprese, RTI) a una gara per l’affidamento dei servizi di ritiro del sangue offerto da donatori nazionali, produzione di farmaci plasmaderivati e loro fornitura al sistema sanitario.


Collegamenti:
Provvedimento del 22 dicembre 1997


COMUNICATO STAMPA

Il 22 dicembre 1997 l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha chiuso l'istruttoria, avviata lo scorso 21 novembre, nei confronti delle società Baxter  S.p.A. e Clark S.r.l., dando il via libera all'acquisizione da parte di Baxter della totalità del capitale sociale della Clark.
I mercati interessati da questa operazione di concentrazione sono i prodotti succedanei del plasma e soluzioni perfusionali, prodotti per i trattamenti di dialisi peritoneale e di dialisi extracorporea.
L'istruttoria si è concentrata nella valutazione degli effetti dell'operazione relativamente al settore della dialisi ed in particolare della dialisi peritoneale, in quanto gli altri mercati di prodotto rilevanti risultano caratterizzati da una presenza di vari e qualificati concorrenti tale da escludere che l'acquisizione in oggetto potesse comportare effetti restrittivi della concorrenza.
Le maggiori preoccupazioni derivanti dall'operazione riguardavano i mercati delle linee, soluzioni e macchinari per il trattamento di dialisi peritoneale e ciò a causa dell'elevato grado di concentrazione già in capo alle prime tre imprese del settore, del rafforzamento di tale struttura molto concentrata a seguito della crescita della quota detenuta da Baxter, della eliminazione di uno dei concorrenti più attivi e dinamici e della presenza di barriere all'entrata di natura distributiva, organizzativa e legate alla reputazione delle imprese.
L'indagine istruttoria, pur confermando le preoccupazioni sopra indicate, ha evidenziato che la dinamica del settore della dialisi peritoneale negli anni '90 mostra un incremento delle quote di mercato dei due principali concorrenti e l'ingresso, anche se con quote ancora marginali, di due nuove società.
Pertanto, sebbene l'operazione determini il rafforzamento della struttura oligopolistica che caratterizza non solo il settore del trattamento di dialisi peritoneale ma anche quello della dialisi in generale, essendo sempre le prime tra imprese a detenere posizioni di grande rilievo nell'ambito della totalità dei trattamenti, l'Autorità ha ritenuto che l'evoluzione del settore e le sue prospettive di crescita non consentano di assicurare alla posizione raggiunta da Baxter quelle caratteristiche di stabilità e durata che contraddistinguono una impresa in posizione dominante.

Roma, 21 gennaio 1998