Contenuto principale

Delibera AGCM n.26666 del 28 giugno 2017 - Nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza

 

L’AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

NELLA SUA ADUNANZA del 28 giugno 2017;

VISTA la legge n. 287 del 10 ottobre 1990, recante “Norme per la tutela della concorrenza e del mercato”, e in particolare l’art. 10, comma 6, che consente all’Autorità di deliberare le norme concernenti la propria organizzazione e il proprio funzionamento;

VISTO il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, recante “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

VISTA la legge 6 novembre 2012, n. 190, recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”;

VISTO il Decreto Legislativo 25 maggio 2016, n. 97, recante “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell'articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”, che ha apportato significative modifiche alla legge n. 190/2012 e al decreto Legislativo n. 33/2013 in materia di prevenzione della corruzione e di trasparenza;

VISTO il Regolamento concernente l’organizzazione e il funzionamento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, approvato da ultimo con delibera del 24 maggio 2017;

VISTO l’articolo 13, comma 13, del citato Regolamento, ai sensi del quale “Salvo esigenze organizzative oggetto di specifica motivazione e salva l’attribuzione dell’incarico di Vice Segretario Generale, l’Autorità attribuisce gli incarichi di responsabilità di Direzioni ed Uffici a seguito di specifica procedura di selezione comparativa e delle successive manifestazioni di interesse dei dipendenti, stabilendo previamente, con delibera, i requisiti richiesti per gli incarichi ed eventualmente il numero minimo e/o massimo di posizioni per le quali è possibile manifestare il proprio interesse, fermo restando che la proposta del Segretario Generale di cui al comma 1 può avere ad oggetto l’attribuzione di incarichi anche a dirigenti che non abbiano manifestato interesse per quello specifico incarico”;

VISTO l’articolo 12, comma 28, del citato Regolamento, ai sensi del quale la Direzione per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza “cura, coordina e controlla l’assolvimento degli obblighi previsti dalla normativa vigente in tema di prevenzione della corruzione e in tema di trasparenza delle informazioni non procedimentali da pubblicare. In particolare, cura la predisposizione, l’aggiornamento e l'attuazione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, con particolare riguardo all’analisi dei rischi di corruzione e al trattamento del rischio; vigila sul funzionamento e sull’osservanza del Piano, nonché sull’applicazione delle misure preventive in esso previste e sulle azioni successive; pianifica e coordina le attività demandate ai responsabili delle unità organizzative dell’Autorità in materia di anticorruzione e trasparenza; cura la raccolta delle informazioni previste dalla normativa vigente in tema di trasparenza e ne controlla la pubblicazione sul sito istituzionale nella sezione "Amministrazione Trasparente"; verifica e assicura la regolare attuazione delle procedure connesse all’accesso civico; predispone la relazione annuale sull’attività svolta. La Direzione può disporre di risorse proprie oppure avvalersi della collaborazione di altre unità organizzative previamente individuate dal Segretario Generale. Il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza è responsabile della Direzione. Il responsabile è scelto tra i dirigenti dell’Autorità con una adeguata conoscenza dell’organizzazione e del funzionamento dell’Autorità e può mantenere anche la responsabilità di altre unità organizzative”;

VISTA la delibera del 21 dicembre 2016 con la quale la dottoressa Serena Stella è stata nominata Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza;

VISTA la delibera del 30 maggio 2017 con cui è stata indetta la procedura di selezione comparativa di cui all’articolo 13, comma 13, del Regolamento per l’attribuzione degli incarichi di responsabilità delle Direzioni e degli Uffici dell’Autorità, ad eccezione degli incarichi di Vice Segretario Generale, Responsabile dell’Ufficio Stampa e Chief Economist;

VISTA la delibera assunta in data odierna con la quale alla dottoressa Francesca Ferri è stata attribuita la responsabilità della Direzione per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza;

CONSIDERATO che, ai sensi di quanto previsto dal citato articolo 12, comma 28, del Regolamento, il “Il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza è responsabile della Direzione”;

RITENUTO, alla luce del profilo professionale e dell’esperienza maturata, anche in comparazione con gli altri dirigenti, che la dottoressa Ferri, in ragione della sua approfondita conoscenza dell’organizzazione e del funzionamento dell’Autorità, abbia le competenze e i requisiti professionali idonei allo svolgimento dell’incarico di Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza

DELIBERA

di nominare Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza la dottoressa Francesca Ferri, dirigente di ruolo dell’Autorità, con decorrenza dal 1° luglio 2017 e fino al 30 giugno 2019.

La presente delibera sarà pubblicata nel Bollettino dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, e nel sito istituzionale nella sezione «Autorità Trasparente».

IL SEGRETARIO GENERALE

Roberto Chieppa

IL PRESIDENTE

Giovanni Pitruzzella