Contenuto principale

Comunicazione al consumatore
Esito dell’invito a rimuovere i possibili profili di scorrettezza

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
PS10467 - Amazon-annullamento ordini per prezzi erronei

Sulla base di segnalazioni ed elementi acquisiti d’ufficio, è emerso che il processo di acquisto on line sul sito amazon.it potrebbe non fornire un’adeguata informazione in merito alla tipologia di schema contrattuale adottato, in base al quale il contratto si perfeziona nel momento in cui il consumatore riceve la mail di conferma della spedizione della merce.

Pertanto, con comunicazione del 27 ottobre 2016 l’Autorità ha invitato Amazon a rimuovere i profili di possibile scorrettezza.

In risposta al suddetto invito, Amazon ha assunto l’impegno di potenziare il set informativo al fine di chiarire – intervenendo con modifiche in due pagine e nelle fasi del processo di acquisto – tale specifico schema contrattuale. In particolare:

a) nella fase precedente a quella in cui il consumatore esprime la sua volontà di inviare l’ordine, sostituirà la dicitura “procedi all’acquisto” con “procedi all’ordine”;

b) nello stadio in cui il consumatore è chiamato a formulare la sua proposta, enfatizzerà, collocandola nel buy box sotto il pulsante “acquista ora”, l’informazione che il contratto si conclude con la mail di conferma di spedizione di merce;

c) nei momenti successivi a quello in cui viene formulata la proposta, ribadirà la natura delle comunicazioni inviate in risposta all’ordine del consumatore;

d) allineerà corrispondentemente le condizioni generali di vendita alle modifiche sopra indicate.

Pertanto, l’Autorità, nella sua adunanza del 4 maggio 2017, ha riscontrato il buon esito dell’invito trasmesso al professionista. Nella medesima riunione il Collegio ha inoltre disposto, ex art. 5, lettera d) del “Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, violazione del divieto di discriminazioni, clausole vessatorie” la pubblicazione del presente avviso sul sito internet dell’Autorità (www.agcm.it).