Contenuto principale

Comunicazione al consumatore
Esito dell’invito a rimuovere i possibili profili di scorrettezza

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
PS8804 Danacol - Claim anticolesterolo

Sulla base di segnalazioni ed elementi acquisiti d’ufficio, è emerso che Danone Spa ha promosso un’articolata campagna pubblicitaria relativa a Danacol tramite indicazioni quali  “C’è un nemico silenzioso nella nostra vita, il colesterolo. Una minaccia che può accumularsi nelle arterie con il rischio di ostruirle; questo può causare problemi al cuore… Agisci subito! Un consiglio: uno stile di vita sano e un Danacol al giorno” . Nei messaggi il protagonista – un uomo normopeso, presumibilmente quarantenne  - veniva ripreso in diverse situazioni della vita comune sempre accerchiato da “omini” in tuta gialla (metafora del colesterolo), nell’intento di opprimere il protagonista del filmato.

Con comunicazione del 6 marzo 2013, l’Autorità ha invitato Danone a rimuovere i profili di possibile scorrettezza della comunicazione pubblicitaria, eliminando ogni generico riferimento – diretto e indiretto -  alla potenziale insorgenza del colesterolo, riformulando  il wording delle affermazioni spese nello spot, nonché mitigando la rappresentata riduzione del colesterolo nello spot.

Ciò al fine di attenuare nel filmato le parti con le quali si dava grande enfasi all’aumento del colesterolo in tutta la popolazione e senza specifico riferimento alle situazioni di eccesso, in ossequio al principio per cui non può operarsi un rimarcato richiamo a malattie/rischi sanitari per creare allarme - così come per banalizzare la tematica -  al fine di presentare il prodotto come necessaria soluzione del problema.

In risposta al suddetto invito Danone ha interrotto la diffusione dello spot e si è impegnata ad impiegare taluni accorgimenti nelle prossime comunicazioni commerciali relative al prodotto. In futuro gli spot a) si rivolgeranno esclusivamente a coloro che abbiano già il colesterolo in eccesso; b) non conterranno espressioni quali “minaccia” e “nemico silenzioso”; c) non veicoleranno l’idea di urgenti rimedi da azionare contro il problema (“Agisci subito!”); d) non enfatizzeranno la riduzione conseguibile con l’assunzione del prodotto.

Pertanto, l’Autorità, nella sua adunanza del 10 aprile 2013, ha riscontrato il buon esito dell’invito trasmesso al professionista. Nella riunione del 2 maggio 2013, il Collegio ha inoltre disposto, ex art. 5, lettera d) del “Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie”, la pubblicazione del presente avviso sul sito internet dell’Autorità (www.agcm.it).