Contenuto principale


Sezione 1 - Aspetti dell'intesa che appaiono restrittivi della concorrenza


Descrizione degli aspetti dell'intesa che possono restringere la libertà delle imprese ad essa partecipanti di adottare decisioni commerciali autonome, con particolare riferimento ai seguenti elementi:

- prezzi di acquisto o di vendita, sconti o altre condizioni contrattuali;
- quantitativi di beni da produrre o da distribuire e/o di servizi da offrire;
- sbocchi o accessi al mercato;
- investimenti, sviluppo tecnico o progresso tecnologico;
- scelta dei mercati o delle fonti di approvvigionamento;
- applicazione di condizioni diverse per prestazioni di beni e servizi equivalenti;
- offerta di due o più beni o servizi separatamente o congiuntamente.

Specificare se, e per quale periodo, l'intesa comunicata ha ricevuto attuazione da parte delle imprese ad essa partecipanti, e se ha conseguito gli obiettivi prefissati.


Sezione 2 - Posizione concorrenziale di ciascuna delle imprese partecipanti all'intesa in ciascun mercato rilevante per l'intesa.


Fornire (a) la stima della quota di mercato (in valore ed in volume) detenuta dalle imprese partecipanti all'intesa, e dalle imprese loro controllanti e controllate nel mercato rilevante, con riferimento agli ultimi tre anni; (b) la stima della quota di mercato dei principali concorrenti (sia nazionali che esteri) presenti sugli stessi mercati, indicando le cinque più importanti imprese concorrenti (fornendo, ove disponibili, indicazioni utili per un eventuale contatto); (c) l'elenco dei cinque maggiori clienti di ciascuna impresa che partecipa all'intesa (fornendo, ove disponibili, indicazioni utili per un eventuale contatto).

Fornire una stima del tasso di utilizzo della capacità produttiva delle imprese partecipanti all'intesa e, se disponibile, delle altre imprese concorrenti.

Se l'intesa interessa più mercati rilevanti dei prodotti o servizi, indicare inoltre: (a) una stima delle quote di mercato che sono detenute complessivamente dalle imprese partecipanti all'intesa, e delle imprese loro controllanti e controllate, sugli altri mercati con riferimento agli ultimi tre anni; (b) la sussistenza di intese di analogo contenuto fra ciascuna delle imprese partecipanti all'intesa ed altre imprese; (c) la presenza di altre imprese che operano sui mercati rilevanti dell'intesa e/o di altre intese fra imprese che interessano questi stessi mercati specificando, ove disponibili,  le quote di mercato detenute dalle imprese sui singoli mercati.

Indicare se le imprese partecipanti all'intesa, e le imprese loro controllanti e controllate, sono presenti in mercati contigui o nei mercati a monte e/o a valle di ciascun mercato rilevante dell'intesa comunicata.

Per ciascuna impresa indicata nel capitolo 1 trasmettere: (a) un elenco di tutte le altre imprese operanti nei mercati rilevanti dell'intesa in cui esse detengano individualmente od insieme ad altri soggetti, una partecipazione pari o superiore al 10% (al 5% se si tratta di società ammesse alla quotazione in borsa) del capitale sociale o delle azioni aventi diritto di voto, specificando altresì la percentuale detenuta; (b) un elenco dei componenti dei loro organi di gestioneche siano contemporaneamente componenti degli organi di gestione di imprese concorrenti nei mercati rilevanti dell'intesa, specificando di quali imprese si tratta, della durata di tali incarichi e delle funzioni svolte da ciascuno.

Fornire, ove disponibili, informazioni circa la diffusione di accordi di cooperazione analoghi a quello oggetto di comunicazione, sia nel mercato rilevante che nei mercati contigui, geograficamente o per la natura del prodotto, indicando altresì se una delle imprese parti dell'intesa vi partecipi.


Sezione 3 - Descrizione della concorrenza potenziale


Fornire una stima della possibilità di entrata di nuove imprese concorrenti sui mercati rilevanti dell'intesa, in particolare quando si verifichi un incremento significativo dei prezzi, superiore al 10%, indicando: (a) se esistono significative barriere all'entrata di ordine economico, con particolare riferimento al rapporto fra la dimensione minima ottimale e l'ampiezza del mercato di riferimento, alla disponibilità esclusiva di materie prime, all'importanza delle attività di ricerca e sviluppo e di quelle promozionali, al possesso di diritti di proprietà industriale e commerciale e, infine, all'integrazione verticale delle imprese presenti sul mercato o all'esistenza di rapporti contrattuali di lungo periodo fra imprese che operano in fasi diverse del processo economico; (b) se esistono barriere significative all'entrata di ordine istituzionale, con specifico riferimento ad autorizzazioni di carattere amministrativo o a controlli di altro genere; (c) se negli ultimi tre anni si è verificata l'entrata di nuove imprese concorrenti, precisando di quali imprese si tratta e, ove disponibile, la quota di mercato da queste acquisita; (d) se è probabile che imprese attive nel medesimo mercato del prodotto ma operanti in mercati geografici distinti possano entrare nel mercato rilevante.


* * *